E quale è di pazzia segno più espresso / che, per altri voler, perder se stesso?
Ludovico Ariosto (1474-1533): Orlando Furioso

Der Irrsinn ist bei Einzelnen etwas seltenes - aber bei Gruppen, Parteien, Völkern, Zeiten die Regel.
Friedrich Nietzsche (1844-1900): Jenseits von Gut und Böse

3° concerto
Giovedì, 10 novembre 2016 alle 19.00 - Sala protocollare della chiesa di S. Francesco – Capodistria

Mario Caroli (Francia - Italia), flauto WWW

Michele Marelli
(Italia), clarinetto WWW

Giorgio Klauer, live electronics

PROGR concert MMA:

Carl Philipp Emmanuel Bach (1714-1788): Sonata v a-molu Wq. 132, per flauto
Poco Adagio
Allegro
Allegro

Doina Rotaru (1951): MITHYA per flauto e flauto basso
Nello spirito di una preghiera
Come una Colinda
Come una Doina
*prima esecuzione in Slovenia

Tatjana Jercog (1974): *Forma mentis viva
*premiere

Ivan Fedele (1953): High, per corno di bassetto

______

Pierre Boulez (1925 – 2916): Dialogue de l'ombre double, per clarinetto ed elettronica

Kaija Saariaho (1952): NoaNoa, per flauto ed elettronica

Nicola Sani (1961): *"AchaB" per clarinetto ed elettronica

*prva izvedba/prima assoluta/premiere

Giacinto Scelsi (1905-1988): Ko Lho, per flauto, clarinetto ed elettronica


Mario Caroli

Carolli

 

Michele Marelli

Marelli
Foto: Roberto Masotti

 

Giorgio Klauer si è formato presso il Conservatorio di Trieste e la Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona (Università di Pavia). Già titolare della cattedra di Esecuzione e interpretazione della musica elettroacustica presso il Conservatorio di Como (2007-2012), presso il Conservatorio di Padova ricopre la cattedra di Informatica musicale ed è coordinatore della Scuola di Musica Elettronica. Impegnato nella comunicazione e nell'innovazione delle pratiche musicali legate al suo settore, è membro direttivo dell'Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI), membro del comitato scientifico del Sound and Music Processing Lab (SaMPL), del Coordinamento Nazionale dei Docenti di Musica Elettronica (CoME) e co-fondatore del collettivo artistico cantierezero (2010). Il suo principale ambito di attività è costituito dall'applicazione degli argomenti del sound and music computing ai fini creativi e in particolare l'estrazione di descrittori qualitativi dell'audio, la sintesi per modellizzazione fisica e i sistemi interattivi. Come compositore di musica elettroacustica e mista per strumenti ed elaboratore mira a risolvere le problematiche della creatività sviluppando originali sistemi di composizione, analisi/sintesi ed elaborazione del suono: ricercando l'unità dell'opera d'arte, progetta da zero gli ambienti informatici e di physical computing da usare nel processo creativo e cura personalmente in una costante attività di esecuzione musicale la presentazione pubblica e l'interpretazione.

È interprete del repertorio elettroacustico e misto storico e contemporaneo. Avvicinatosi di recente al campo del design dell'interazione sonora e alla sound art, ha avviato un graduale ripensamento della musica d'arte basato sulla metodologia e l'attitudine alla ricerca, dedicando particolare attenzione al momento della produzione musicale e alla progettazione dell'evento artistico come strumenti di creazione e trasferimento di nuova conoscenza. I suoi lavori sono stati presentati in conferenze internazionali tra cui Digital Research in the Humanities and Arts (Londra 2014), Linux Audio (Karlsruhe 2014), International Computer Music Conference (Atene 2014, Ljubljana 2012, Barcellona 2005, Goteborg 2002), Colloquio di Informatica Musicale (Cagliari 2016, Roma 2014, Trieste 2012, Torino 2010, L'Aquila 2000), New Interfaces for Musical Expression (Genova 2008), Arte/Scienza (Roma 2004), e festival - Electric Shock Hazard (Salerno 2015), Sonorities (Belfast 2014), l'Arsenale Nuova Musica (Treviso 2012), European Conference of Promoters of New Music (Amburgo 2011), Eterotopie (Mantova 2011), Konzerte ÖGZM (Vienna 2011), EMUFest (Roma 2010), Radio Bremen (2006), musicaXimmagine (Firenze 2005), Images Sonores (Liegi 2004), La Costruzione del Suono (Mestre 2004), Trois visages de la musique électroacoustique (Bruxelles 2003), Electric Rainbow Coalition (Dartmouth College 2001).

Klauer